FF

ELVIS By KatiaTcb

Cerca

LA VITA DI ELVIS PRESLEY











































Da "Non solo biografie"  

 Biografia di Elvis Presley

La leggenda del rock



Elvis Aron Presley nasce a Tupelo, Mississipi, l'8 gennaio 1935 da Gladys Love Smith e Vernon Elvis Presley, in una casa di due sole stanze, costruita dallo stesso Vernon.
Il fratello gemello di Elvis, Jessie Garon, nato morto solo poche ore prima, lascia Elvis unico figlio della famiglia Presley.
Elvis cresce in una famiglia molto unita, costituita dai suoi genitori, i suoi nonni, zie, zii e cugini, che vivono tutti l'uno vicino all'altro.
Il concetto di "famiglia" è qualcosa che resterà radicato in lui sempre, come fondamento dell'esistenza dell'essere umano.

All'età di 10 anni il piccolo Elvis, in piedi su una sedia, con un microfono in mano, canta "Old Shep" ad un concorso per giovani talenti al "Mississipi - Alabama Fair and Dairy Show" di Tupelo. Il concorso è trasmesso alla WELO Radio, ed Elvis si aggiudica il secondo premio di 5.00$.

Nel 1946, per il suo 12° compleanno, non potendo comprare la bicicletta che Elvis tanto desidera, la madre Gladys decide di regalare al figlio una chitarra...
La prima chitarra di Elvis!

Nel 1948, quando la crisi economica a Tupelo toglie ogni risorsa lavorativa e Vernon non riesce più a trovare lavoro, la famiglia Presley decide di spostarsi a nord, e precisamente a Memphis, nello stato del Tennessee.
Vernon e Gladys Presley passano da un lavoro all'altro...mente Elvis frequenta la L.C. Humes High School e nello stesso tempo fa vari lavori per portare aiuto al mantenimento della famiglia.

I generi musicali che più influiscono sulla personalità di Elvis durante l'adolescenza sono il pop e country di quel periodo, i gospel che ascolta in chiesa, e l' R&B dei negri che si ascoltano nella famosa Beale Street, la strada dove Elvis compra i suoi vestiti.
A Memphis il suo anticonformismo si nota subito, a cominciare dai suoi capelli ritenuti lunghi rispetto allo standard del tempo e scolpiti con la "brillantina", che rendeva i capelli lucidi e più scuri della tonalità originale.

Durante la permanenza alla Humes School, in occasione di uno spettacolo per giovani talenti della scuola, Elvis, nervosissimo, si esibisce suonando la sua chitarra, lasciando stupefatto persino se stesso per gli applausi ricevuti e vincendo su tutti.

Nel 1953 Elvis termina i suoi studi presso la Humes High School.
Subito dopo il diploma, quella stessa estate, lavora al "Parker Machinist Shop" e, proprio in quel periodo, un giorno decide di entrare alla "Memphis Recording Service", sede dell'etichetta "Sun", e incide per 4.00$ le canzoni "My Happiness" e "That's when your heartaches begin".
Il proprietario dello studio in quel momento però non è presente, così è la sua assistente Marion Keisker ad occuparsi della registrazione di Elvis.
Elvis con questa registrazione voleva appurare come risultasse la sua voce su un disco, visto che già in lui maturava l'aspirazione di diventare un cantante.
Porta il disco a casa e lo consegna come regalo di compleanno alla madre Gladys.
Nel frattempo cambia altri lavori, finendo a lavorare per la "Crown Electric Company", all'interno della quale svolge varie mansioni, tra cui guidare un camion per le consegne e la sera frequenta una scuola per diventare elettricista.

Nel gennaio 1954 Elvis incide un'altra demo presso la "Sun" e in quell'occasione il proprietario, Sam Phillips, è presente. Come era accaduto nell'occasione precedente per la sua segretaria, Sam rimane molto colpito dallo stile di Elvis.

Nell'estate del 1954, dietro suggerimento di Marion Keisker, Sam Phillips decide di chiamare Elvis alla "Sun Studio" per provare ad incidere una canzone, che Sam spera di poter far uscire su un disco.
La canzone è "Without you", ma Elvis non soddisfa le aspettative di Sam con la sua interpretazione.
Sam Phillips, avendo comunque intuito le potenzialità di Elvis, non si arrende e chiede ad Elvis cosa sa cantare. Elvis elenca una serie di canzoni popolari....
Mr. Phillips decide di unire Elvis a due musicisti locali: Scooty Moore, chitarrista; e Bill Black, bassista, per vedere se, insieme, possono ottenere qualcosa di buono, ma non si riesce ad ottenere niente....
....fino al 5 luglio, quando Elvis e i suoi musicisti intonano un'accelerata versione di "That's all Right".
"That's all right", con "Blue moon of Kentucky" diviene la prima di cinque singoli che Elvis realizzerà con l'etichetta della "Sun Records".
Il gruppo formato da Elvis Presley, Scooty Moore e Bill Black inizia ad esibirsi in vari luoghi, come piccoli club e attraverso tutto il sud, raggiungendo un discreto successo.
Elvis continua comunque a lavorare presso la "Crown Electric".

Il 16 ottobre 1954 il gruppo appare per la prima volta al "Lousiana Hayride", uno show radiofonico di musica country, trasmesso dalla KWKH Radio.

A novembre Elvis firma un contratto per un anno, ossia esibizioni per cinquantadue sabati notte. E' una grande occasione, ma mentre la popolarità di Elvis cresce, il suo impegno con l'Hayride lo porta a viaggiare moltissimo per potersi far conoscere.
E' proprio in questo periodo che Elvis incontra TOM PARKER, detto "Il Colonnello", già manager di artisti vari e in rapporti proprio con il "Louisiana Hayride"

Nel 1955 Elvis firma un contratto con Bob Neal, che diviene suo manager.

Elvis, Scooty e Bill continuano a viaggiare e capita loro di esibirsi in show con altri cantanti, inclusi quelli facenti parte dell' Hayride, nel quale il Colonnello Parker è implicato.
Il batterista D.J. Fontana si unisce al gruppo di Elvis e nella primavera del 1955 Elvis viene accettato dall' "Arthur Godfrey's Talent Scouts", uno show televisivo.
Come sempre le esibizioni di Elvis hanno grande successo tra i teenagers, soprattutto tra le ragazze e il "fenomeno Elvis" inizia a ricevere l'attenzione nazionale, mentre il Colonnello Parker si insinua sempre più nella sua carriera.
Il 15 agosto 1955 Elvis firma un contratto, con il quale dà i diritti di manager alla "Hank Snow Attraction", che è posseduta equamente da Snow e dal Colonnello Parker. Bob Neal resta in funzione di consigliere.
Molto presto il Colonnello Parker riesce a diventare il manager in esclusiva di Elvis e resterà tale fino alla morte del cantante.
E' il 20 novembre 1955, quando Elvis firma il suo primo contratto con la "RCA Records". E' il Colonnello Parker a negoziare la vendita del contratto tra la "Sun" e la "RCA", che include i primi cinque singoli incisi e tanto altro materiale. Il prezzo della transazione è senza precedenti: 40.000 $, con un bonus di 5.000$ per Elvis!!!
La "RCA" riproduce anche i cinque singoli incisi con l'etichetta "Sun".
Nello stesso momento Elvis firma un contratto con la "Hill and Range Publishing Company", che dà vita alla "Elvis Presley Music, Inc."
Elvis è la più grande nuova star del music business!!

Il 10 gennaio 1956, due giorni dopo il suo ventunesimo compleanno, Elvis registra la sua prima sessione per la RCA nello studio di Nashville. Tra le canzoni di questa session c'è la famosissima "HEARTBREAK HOTEL".
THE JORDANAIRES, quartetto gospel/country, inizia a lavorare con lui in sala di registrazione e lo segue anche nelle esibizioni dal vivo.

Il gruppo apparirà con Elvis anche in alcuni suoi film e resterà con lui fino alla fine degli anni '60.

E' nel gennaio 1956 che Elvis con la canzone "Heartbreak Hotel" realizzata con l'etichetta RCA, vende più di 300.000 copie solo nelle prime 3 settimane e in poco tempo va in vetta alla Billboard's pop singles chart per otto settimane, raggiunge il numero uno nella Country chart e la quinta posizione nella R&B chart.
Diviene il primo singolo di Elvis che raggiunge oltre un milione di copie vendute, facendogli meritare il suo primo disco d'oro!
La prima apparizione televisiva di Elvis è allo "Stage Show", a cui ne seguiranno altre cinque nelle settimane successive.
Nel marzo 1956 la RCA lancia il primo album di Elvis, dal titolo "Elvis Presley", che raggiunge in breve tempo il primo posto nella Billboard's pop album chart per dieci settimane, e vendendo oltre un milione di copie fa ottenere ad Elvis il suo primo album d'oro!

Il 1 aprile 1956 Elvis va ad Hollywood per un provino per la "Paramount Studios", ed interpreta la canzone "Blue Suede Shoes". La canzone viene fatta cantare in playback e la chitarra che gli viene data per l'esibizione no ha nemmeno le corde....
Sempre in aprile Elvis fa la sua apparizione al "The Milton Berle Show" sulla ABC e firma un contratto con Hal Wallis e la "Paramount Pictures".

Tra la fine di aprile e l'inizio di maggio 1956 Elvis accetta un ingaggio di due settimane al New Frontier Hotel di Las Vegas, ma purtroppo egli non è ciò che piace agli adulti giocatori d'azzardo del posto. E' in queste due settimane però che sia il singolo "Heartbreak Hotel" che l'album "Elvis Presley" sono in vetta alla Billboard's pop chart.
A parte questo flop a Las Vegas, la popolarità di Elvis cresce sempre di più, le folle diventano sempre più grandi alle sue esibizioni, alcune delle quali terminano prima a causa dei fans che sommergono il palco: Elvis scatena un vero e proprio pandemonio in ogni posto vada!

Il 5 giugno 1956 Elvis si esibisce nuovamente al "Milton Berle Show" e in quell'occasione propone la canzone "Hound dog", in una versione a dir poco sensuale, definita poi dalla stampa scabrosa e volgare, che fa giungere alla redazione dello show milioni di lettere di critiche. Lo show di Milton Berle all'epoca era seguito come uno show per le famiglie e l'esibizione di Elvis aveva prodotto un vero scandalo...ma contribuì comunque ad accrescere, se possibile, ancora di più la sua popolarità! Mentre le comunità religiose e la moralità borghese lo condannavano, i giovani lo amavano sempre di più!

Il 1 luglio 1956 Elvis si esibisce allo "Steve Allen Show" sulla NBC.
Dato il senso dell'umorismo di Elvis, unito a quello del conduttore, si decide di giocare sulla sua immagine e per riscattarlo dallo scandalo dell'apparizione al "Milton Berle Show", gli viene fatto indossare un frac con le code e cantare "Hound dog" alla presenza di un cane basset hound...
Man mano che crescono le registrazioni e continuano i suoi tour, in ugual misura crescono e si dilagano anche le controversie sul suo personaggio, facendo aumentare nel bene e nel male la sua popolarità...."Che se ne parli bene o che se ne parli male, l'importante è che se ne parli", recita un vecchio adagio...
Ed Sullivan, che fino a poco tempo prima disse che non si sarebbe mai avvalso della presenza di Elvis nel suo show, cambia presto idea quando viene a conoscenza delle grandi valutazioni che vengono fatte sul cantante dopo le sue apparizioni agli altri due shows.
Un contratto di 50.000$ per tre apparizioni è ciò che ne esce.
E' il più alto ingaggio mai pagato ad un cantante fino a quel momento per esibirsi in un varietà!

Nell'agosto 1956 Elvis inizia a girare il suo primo film "Love Me Tender", prestato per l'occasione dalla "Paramount Pictures" alla "Twentieth Century Fox".
Originariamente il film doveva avere il titolo "The Reno Brothers", ma visto che la colonna sonora del film sarebbe stata appunto la canzone "Love me tender", si decise di dare al film lo stesso titolo della canzone che ne faceva da sottofondo.

Nel settembre 1956 Elvis fa la sua prima apparizione all' "Ed Sullivan Show", il programma televisivo più seguito del tempo.
L'apparizione di Elvis allo show ebbe un successo strepitoso!
Il 26 settembre 1956 viene proclamato a Tupelo, Mississipi, la città dove Elvis è nato, l' "Elvis Presley Day".
In quell'occasione Elvis, con la sua famiglia, torna ai luoghi della sua nascita nelle vesti stavolta di una grande star.
Si esibisce al "Mississipi - Alabama Fair and Dairy Show", lo stesso che lo vide in piedi su una sedia con il microfono in mano all'età di 10 anni...ma questa volta c'erano un centinaio di guardie nazionali a proteggere il palco dai fans scatenati.
Oltre ai dischi, ormai c'è traccia di Elvis ovunque....T-shirt, jeans, fazzoletti, scarpe da tennis, rossetti, profumi, guanti, cani di pezza...tutti oggetti che sarebbero divenuti per sempre parte del mercato di Elvis Presley, con richieste senza fine.

Il 16 novembre 1956 al Paramount Theatre di New York il film "Love Me Tender" esce in prima visione, per poi uscire nelle sale cinematografiche nazionali il giorno seguente.
La critica apprezza l'interpretazione di Elvis in questo melodramma ambientato nel sud America al tempo della Guerra Civile.
Alla fine di dicembre 1956 in prima pagina del The Wall Street Journal viene riportato che negli ultimi mesi il mercato di Elvis ha fatto guadagnare 22 milioni di dollari in vendite!
L'anno 1956 ha visto l'inizio del fenomeno Elvis Presley, tramite il mercato dell'oggettistica, l'inizio di una carriera cinematografica, cinque singoli e due album piazzati alla vetta delle classifiche e apparizioni televisive storiche!
Elvis è diventato un simbolo della cultura americana, oltre che una figura controversa.
Il miscuglio di musica country e gospel, black R&B, pop music, il suo carisma e il suo talento hanno dato inizio ad un cambiamento sia nella musica che nella società americana: niente sarà più uguale per Elvis e per il mondo!

All'inizio del 1957 Elvis fa la sua terza apparizione all' "Ed Sullivan Show", e fu in questa occasione, date le controversie che ormai infiammavano la sua figura, che il mondo vide Elvis "censurato", ossia lo potè vedere in video solo dalla cintura in su.
Alla fine dello spettacolo, Ed Sullivan, ringraziando Elvis, lo difende di fronte alla nazione, apprezzandolo sia come persona che come artista, e definendolo "un bravo ragazzo".
Fu un momento che Elvis non dimenticò mai per tutta la vita!

Siamo sempre nel gennaio 1957, quando Elvis inizia a girare il suo secondo film, "Loving You", che contiene come colonna sonora alcune tra le sue canzoni più belle, tra cui "Teddy Bear" e "Mean Woman Blues".

Nel marzo 1957 Elvis compra la tenuta di Graceland, una villa meravigliosa, con un vastissimo terreno attorno, dove si trasferisce a vivere nel mese di aprile con i genitori e la nonna paterna, e dove vivrà tutta la sua vita.
Sempre in aprile, per la prima volta, si esibisce fuori dagli Stati Uniti, e precisamente in Canada a Toronto e a Ottawa.
E nel maggio 1957 inizia a girare il suo terzo film, "Jailhouse Rock" per la MGM.
Fanno da colonna sonora al film alcuni tra i più grandi successi di Elvis: "Jailhouse Rock", "Baby I Don't Care" e "Treat Me Nice".
Intanto il film "Loving You" raggiunge velocemente la top ten al botteghino.
Alla fine di agosto 1957 Elvis si reca per la terza e ultima volta fuori dagli Stati Uniti, esibendosi ancora in Canada, e precisamente a Vancouver.
Ancora una volta, a settembre dello stesso anno, Tupelo rivede Elvis, in un'occasione di beneficienza per la "Elvis Presley Youth Recreation Center", a cui Elvis farà donazioni per il resto della sua vita.
Il Centro esiste ancora oggi e la casa dove Elvis è nato è aperta al pubblico come un piccolo museo.
Anche il film "Jailhouse Rock" raggiunge ben presto un'ottima posizione al botteghino.

La parte del film in cui Elvis canta la canzone "Jailhouse Rock" è considerata oggi il primo video rock al mondo!

Nel novembre 1957 Elvis si esibisce per la prima volta alle Hawaii, e nel dicembre dello stesso anno, mentre la famiglia Presley festeggia il suo primo Natale a Graceland, Elvis riceve la notizia che sapeva sarebbe arrivata presto...

Dalla fine di gennaio all'inizio di marzo del 1958 Elvis lavora per il suo quarto film, "King Creole".

A metà marzo si esibisce in 2 show a Memphis: queste due esibizioni sono le ultime prima della partenza per il servizio militare; infatti, il 24 marzo 1958 Elvis viene introdotto nel "Memphis Draft Board" e gli viene assegnato il numero 53310761.
Il giorno seguente gli viene fatto il famoso taglio di capelli nel Fort Chaffee, Arkansas.
Elvis alla fine di marzo arriva a Fort Hood, nel Texas, e vi resterà per sei mesi. I suoi genitori lo raggiungeranno presto e resteranno in una casa vicino alla base militare.

Dopo l'addestramento di base, Elvis registra una session: l'ultima fino al 1960.

"King Creole" parte a livello nazionale e le rassegne sono le migliori che abbia mai avuto per la sua interpretazione. Tra gli attori vi sono Carolyn Jones e Walter Matthau.

Nell'agosto del 1958 Gladys Presley, la madre di Elvis, si ammala e ritorna a Memphis per essere ricoverata in ospedale a causa di un'epatite acuta. Elvis parte subito per Memphis e arriva nel pomeriggio del 12 agosto. Va a fare visita alla madre quella sera, il giorno dopo e la sera seguente, ma dopo qualche ora dal ritorno di Elvis a Graceland per riposare, Gladys muore: era il 14 agosto 1958 e Gladys aveva 46 anni.
Elvis è completamente distrutto !!! La perdita della madre, a cui era molto legato e che per lui è sempre stata come una guida, è un evento che traccia un segno indelebile nella sua vita.

Il 25 agosto, una decina di giorni dopo il funerale, Elvis fa ritorno a Fort Hood.

Tra settembre e ottobre Elvis viene mandato in Germania, dove resterà a Friedberg per 18 mesi, mantenendo una residenza fuori dalla base militare a Bad Nauheim, in cui vivono suo padre, sua nonna e alcuni amici di Memphis.
I fans che trova in Europa sono entusiasti di lui come quelli in America.

L'8 gennaio 1959, in occasione del suo 24° compleanno, Elvis viene intervistato telefonicamente da Dick Clark per il suo show sulla ABC.

Nel frattempo il Colonnello Parker continua a tenere viva la carriera di Elvis con promozioni e lancio di nuovi dischi in cui sono raccolti i suoi successi.

Nel novembre del 1959 il Capitano Joseph Beaulieu viene trasferito dal Texas alla base militare di Weisbaden.
Porta con sè la moglie e i figli, tra cui la figlia adottiva quattordicenne Priscilla Ann. (Il padre di Priscilla, primo marito della madre, era un pilota e morì in un incidente aereo quando lei era molto piccola).
Tramite un amico comune, Priscilla viene invitata ad una festa a casa di Elvis.
In quell'occasione i due ragazzi si conoscono...

Dopo essere stato promosso Sergente alla fine di gennaio del 1960, a marzo Elvis lascia la Germania e rilascia una conferenza stampa il giorno dopo il suo arrivo in New Jersey.
Dopodichè prende un treno per Memphis, arrivandovi il 7 marzo, dove trova una folla di fans ad attenderlo. L'8 marzo tiene una conferenza stampa a Graceland, nell'ufficio del padre.

Il soldato Elvis Presley ha servito il suo paese come ogni altro militare, senza alcun privilegio dato dalla sua celebrità. Questi due anni lontano dalla sua carriera gli sono serviti per maturare, ma anche per dargli preoccupazione riguardo al suo lavoro: una così lunga assenza potrebbe aver danneggiato il suo futuro. Inoltre, sebbene sia felice di essere tornato a casa, avverte moltissimo la mancanza della madre.
L'insieme di tutte queste circostanze gli procura quasi un senso di disagio.

Alla fine di marzo 1960 Elvis torna il sala di registrazione per la prima volta dopo il servizio militare. Alcune delle registrazioni di quell'occasione sono contenute nell'album "Elvis is back!", che raggiunge la seconda posizione nella Billboard pop chart.
Nello stesso mese riceve anche la cintura nera di karate, un interesse maturato e coltivato durante il servizio militare.
Ma il grande evento del mese è la partecipazione al varietà di Frank Sinatra, in uno speciale in suo onore, " Welcome Home Elvis ", per il quale è pagato 125.000$, un record per quel tempo.

Alla fine di aprile inizia a girare "GI Blues" per la Paramount, il primo di nove film prodotti da Hal Wallis.

Nel luglio 1960 Vernon Presley, padre di Elvis, sposa Davada - Dee - Stanley, donna divorziata e madre di tre figli, conosciuta in Germania, dove stava con il marito.
Inizialmente i due vissero a Graceland, ma molto presto si trasferirono in una casa vicina.

Tra agosto e settembre 1960 Elvis lavora per il suo sesto film, "Flaming Star".
Nell'ottobre dello stesso anno l'album "GI Blues" entra nella classifica degli album, raggiungendo presto la vetta e resterà in classifica per 111 settimane!!!

E dopo un mese Elvis inizia a girare il suo settimo film, "Wild in the country".

Nel febbraio 1961 Elvis è a Memphis per un pranzo in suo onore e i numerosi premi che ultimamente ha ricevuto sono esposti alla stampa, alla quale concede un'intervista; segue un'esibizione al pomeriggio e alla sera a scopo benefico.
"Elvis Presley Day" è proclamato dal Governatore del Tennessee Buford Ellington: ogni anno Elvis dona soldi ad una lista di associazioni di carità, di solito intorno al periodo natalizio. Dopo pochi anni, per dimostrare il loro ringraziamento, la città gli dona una piastra massiccia con la lista delle 50 associazioni di carità.

Nel marzo del 1961 Elvis è alle Hawaii per una conferenza stampa e per un concerto al Bloch Arena di Pearl Harbor a scopo benefico per la costruzione del USS Arizona Memorial.
Lo show raccoglie un totale di 100.000$.
Elvis resta alle Hawaii per girare il suo ottavo film, "Blue Hawaii".
Da quel momento in poi Elvis avrà una vera passione per quel luogo.

Il film "Wild in the country", come "Flaming Star" pochi mesi prima, esce nella sale cinematografiche, ma, come il precedente, non riscuote grandi successi al botteghino...e nel luglio 1961 Elvis è già sulla scena del suo nono film, "Follow that dream". In questo periodo non sono continuate session di registrazione.

La colonna sonora del film "Blue Hawaii" entra nella Billboard chart nell'ottobre del 1961 e ci resta per un anno e mezzo, restando in vetta per 20 settimane!!! L'album include tra le altre una canzone destinata a diventare un classico del repertorio di Elvis: "Can't help falling in love".

Intanto Elvis inizia a girare il suo decimo film: "Kid Galahad".

Nei primi mesi del 1962 gira l'undicesimo film: "Girls! Girls! Girls!", che contiene una delle sue canzoni più conosciute: "Return to sender".... e a metà sempre del 1962 lavora per il suo dodicesimo film: "It Happened at the World's Fair", girato sia a Hollywood che alla fiera mondiale di Seattle.

Intanto nel dicembre dello stesso anno, Priscilla Beaulieu parte dalla Germania per incontrare Elvis e trascorrere con lui le vacanze di Natale a Graceland. Tornerà poi dalla sua famiglia, per poi tornare definitivamente a Memphis all'inizio del 1963, dove completerà gli studi e compirà i 18 anni il 24 maggio 1963.

All'inizio del 1963 Elvis lavora per il suo tredicesimo film "Fun in Acapulco".
Ormai i suoi film hanno sempre la stessa formula: belle ragazze, storie banali, a volte bei paesaggi, ma poca sostanza. A volte le sceneggiature erano talmente simili che con l'andare del tempo si faceva fatica a distinguere l'una dall'altra!!

A metà dello stesso anno partono già il quattordicesimo film, "Viva Las Vegas", in cui Elvis lavora con Ann Margret, e alla fine dell'anno gira il quindicesimo: "Kissin' Cousins".

Intanto, mentre Elvis si dibatteva tra i copioni banali dei suoi film, i Beatles facevano la loro apparizione all' "Ed Sullivan Show": la musica americana stava drammaticamente cambiando direzione, non guardando più ad Elvis, ma all'invasione "britannica" nello stesso modo in cui fece con Elvis negli anni 50.
Elvis iniziava ad essere annoiato e frustrato da tutti quei film insignificanti e la sua frustrazione con il tempo sarebbe aumentata sempre di più.
Nel marzo 1964 inizia a girare il suo sedicesimo film, "Roustabout", nel quale recita con Barbara Stanwyck e a metà dello stesso anno un altro film ancora, "Girl Happy"; e alla fine dell'anno siamo al diciottesimo film, "Tickle me".

Nei primi mesi del 1965 è alle prese con il suo diciannovesimo film, "Harum Scarum" con subito di seguito il ventesimo, "Frankie and Johnny".

Nel luglio 1965 Elvis dona 50.000$ al "Motion Picture Relief Fund", la più generosa donazione ricevuta dall'associazione fino a quel giorno.

Il mese seguente inizia le riprese del ventunesimo film: "Paradise Hawaiian Style".
Durante una pausa delle riprese del film, Elvis si reca a visitare lo USS Arizona Memorial.

Sempre nell'agosto 1965 i Beatles incontrano Elvis per qualche ora nella sua casa in California.

"Harum Scarum" esce nelle sale cinematografiche nazionali, ma dopo aver raggiunto l'undicesima posizione, crolla, come hanno fatto la maggior parte dei film di Elvis degli ultimi anni, sebbene comunque abbiano fatto ottenere un considerevole profitto e la vendita di qualche disco.

Nei primi mesi del 1966 Elvis lavora al suo ventiduesimo film, "Spinout"; nello stesso periodo il film "Frankie and Johnny" esce nelle sale cinematografiche, ma non ha successo; e nel giugno dello stesso anno la stessa sorte è per "Paradise, Hawaiian Style".
Già in quel periodo Elvis sta lavorando al suo ventitreesimo film, "Double Trouble" e dopo due mesi è al lavoro con il ventiquattresimo: "Easy Come, Easy Go".

Anche il film "Spinout", alla sua uscita nelle sale cinematografiche, non ha successo.



Nel mese di dicembre 1966 Elvis chiede a Priscilla di sposarlo.

Nel febbraio 1967 Elvis compra un ranch di 163 acri nel Mississipi. Lui e il suo entourage con le relative mogli avevano iniziato a coltivare la passione per l'equitazione dopo che Elvis aveva regalato un cavallo a Priscilla.
Nei mesi successivi Elvis e i suoi amici trascorrono molto tempo al Circle G.: era un diversivo per distogliere Elvis dalle sue frustrazioni e infelicità dovute allo stato della sua carriera, dato che i film che stava girando non avevano successo e la formula era sempre la stessa, ripetitiva più che mai.
Per Elvis la situazione iniziava a farsi davvero pesante moralmente!!

Solo un mese dopo ebbe un'ulteriore conferma che doveva al più presto cambiare direzione: anche il film "Easy Come, Easy Go" è un flop.

La RCA intanto pubblica il secondo album gospel, "How Great Thou Art", registrato nel 1966. L'album è un successo e fa guadagnare ad Elvis il "Grammy Award for Best Sacred Performance" dalla National Academy of Recording Arts & Sciences. E' il primo dei tre Grammy vinti.

Elvis lavora al suo venticinquesimo film, "Clambake", mentre "Double Trouble" esce nei cinema. Sebbene vada meglio degli ultimi non è comunque un successo.

Il 1 maggio 1967 Elvis e Priscilla si sposano con una cerimonia privata insieme ad un piccolo gruppo formato dalla famiglia e dagli amici all'Aladdin Hotel di Las Vegas. Segue una conferenza stampa. La luna di miele viene fatta per qualche giorno a Palm Springs per poi tornare a Graceland.
E il 29 maggio Elvis e Priscilla indossano nuovamente i loro abiti nuziali e danno un secondo ricevimento di nozze a Graceland per la famiglia e gli amici che non erano presenti al matrimonio a Las Vegas.

Un mese dopo Elvis è già al lavoro per il suo ventiseiesimo film, "Speedway", nel quale è affiancato da Nancy Sinatra. Durante le riprese viene annunciato che Priscilla è incinta.

Negli ultimi mesi del 1967 iniziano le riprese del ventisettesimo film, "Stay Away Joe", che dopo tanti anni si discosta nel personaggio interpretato da Elvis da quelli recitati nei film che lo hanno preceduto.

Il 1 febbraio 1968 nasce Lisa Marie Presley , figlia di Elvis e Priscilla!!!
Elvis era riuscito finalmente a realizzare uno dei suoi sogni: una famiglia tutta sua!! Aveva una vera e propria adorazione per la figlia.

A marzo Elvis inizia le riprese del suo ventottesimo film, "Live a little, love a little", che, come "Stay Away Joe" dà modo ad Elvis di recitare un personaggio diverso dai soliti.

Dalla metà alla fine di giugno 1968 Elvis si prepara per la registrazione del suo primo special televisivo, "The ' 68 Special" o "The ' 68 Comeback".

Gli anni '60 avevano portato grandi cambiamenti nella cultura musicale, cambiamenti ai quali Elvis nel decennio precedente aveva segnato la via quando aveva fatto respirare l'aria del suo pop, del rock, del country, del R&B e del gospel, ma essendo stato per quasi un decennio concentrato unicamente sulla sua attività di attore e avendo solamente registrato in questo periodo canzoni che facevano da colonna sonora ai suoi film, era rimasto un po' estraneo alla corrente musicale del momento.
In tutti quegli anni aveva raggiunto buone posizioni ugualmente con i dischi, ma contemporaneamente aveva raggiunto anche il massimo della frustrazione, dovute a tutte le limitazioni che la sua espressione artistica aveva subìto.
Sperava di diventare un grande attore, ma purtroppo Hollywood non aveva la stessa aspirazione per lui....
Era arrivato il momento di cambiare! Erano passati molti anni da quando era apparso l'ultima volta davanti ad un pubblico esibendosi dal vivo e in tutto questo tempo aveva sentito la mancanza di tutte quelle emozioni che solo un'esibizione "live" sapeva dare.

Parte così il ritorno di Elvis alla musica, alle esibizioni dal vivo, con questo "'68 Special" , nel quale si riunisce con i musicisti che lo avevano accompagnato all'inizio della sua carriera e con i quali, all'inizio dello show, ripercorre i momenti del suo esordio.
Troviamo quindi al suo fianco il chitarrista Scotty Moore e il batterista D.J. Fontana.
Si passa poi ad un'esibizione di uno scatenato Elvis, da solo sul palco, che interpreta i suoi più grandi successi rock, in un crescendo di adrenalina ed emozioni, fino alla presentazione di una nuova canzone, "Memories".
Guardando questo Special si può senz'altro dire che sebbene siano passati tanti anni e le frustrazioni proporzionalmente aumentate con il passare del tempo, Elvis ha saputo ritrovare in questo spettacolo tutta la sua energia, dando prova che il suo carisma e talento non erano di certo sbiaditi.
Era più che mai al meglio della forma!
Per l'occasione indossa un completo di pelle nera disegnato espressamente per lo show da Bill Belew.
Finalmente con questo show Elvis si sente se stesso, libero, esprimendo finalmente quello che è, come dice in una delle canzoni presentate nello spettacolo: "I'll never be more than what I am...a swingin' little guitar man".
E' grandioso vederlo esibirsi naturalmente, senza l'obbligo della recitazione di una parte cucitagli addosso, ma nella spontaneità di una risata o di una canzone cantata a seconda dello spirito del momento.
Alla fine dello special Elvis si presenta vestito con un completo bianco, per cantare una nuova canzone, scritta espressamente per l'occasione: "If I can dream".
In questa canzone vi è il pensiero di Elvis riguardo gli avvenimenti degli anni '60 e la sua speranza per l'umanità, per un mondo migliore, dove vi sia pace e comprensione.
Questa sua performance è una delle più belle e appassionate di tutta la sua carriera.

Malgrado la grande voglia di ritorno alla musica, Hollywood lo impegna ancora e nell'estate del 1968 gira il suo ventinovesimo film: "Charro!", un western, nel quale lo si vede per l'occasione con la barba. E' l'unico film in cui Elvis non canta!
Alla fine dell'anno è al trentesimo film: "The Trouble with girl".

La canzone "If I can dream" piazzatasi al 12 posto nella pop singles chart diventa il miglior singolo di Elvis dal 1965 e lo special trasmesso dalla NBC è uno dei più grandi spettacoli dell'anno, oltre a diventare uno dei momenti storici della musica pop/rock, divenendo anche il punto di partenza per una nuova era nella sua vita: quella delle esibizioni a tempo pieno sul palco, che inizieranno allo scadere dei suoi obblighi contrattuali come attore.

All'inizio del 1969, per la prima volta dal 1955, Elvis torna a Memphis per registrare musica.
C'è molto materiale su cui lavorare e la voglia di fare è alle stelle. E' in questa occasione che nascono alcune tra le sue canzoni più belle come "Suspicious Minds", "In the Ghetto", "Kentucky Rain" e "Don't Cry Daddy".

Purtroppo gli obblighi cinematografici non sono ancora terminati e nella primavera del 1969 Elvis gira il suo trentunesimo film: "Change of Habit".

Nell'estate del 1969 Elvis viene ingaggiato per 4 settimane all'International Hotel di Las Vegas per un totale di 57 show: ha con sè musicisti rock, un orchestra, un gruppo gospel maschile e un gruppo soul/gospel femminile.

L'orchestra è diretta da Bobby Morris, mentre i musicisti sono: James Burton (lead guitar), John Wilkinson (rhythm guitar), Jerry Sheff (bass guitar), Larry Muhoberac (piano) e Ronnie Tutt (batteria).
Il gruppo femminile sono "The Sweet Inspirations" e il gruppo maschile sono "The Imperials".
Charlie Hodge ha la funzione di seconda voce, chitarrista e assistente sul palco.

La preparazione dura molte settimane e lo show parte il 31 luglio 1969.
Lo show comprende alcuni classici di successo di Elvis, ultimi lavori e alcune cover di altri artisti, il tutto naturalmente seguito da una conferenza stampa.
E' un vero trionfo!!! Da questi show viene realizzato l'album "Elvis in Person at the International Hotel".

I costumi indossati da Elvis sono sempre disegnati da Bill Belew, che negli anni seguenti disegnerà tutti gli altri costumi di scena.

Nel settembre 1969 viene pubblicata "Suspicious Minds", che diventa presto un successo e il primo singolo pop numero uno dal 1962, ma anche l'ultimo.

All'inizio del 1970 Elvis torna a Las Vegas, all'International Hotel per un altro mese di concerti, da cui ne nasce un altro album: "On Stage".

Tiene una conferenza stampa a Houston il 27 febbraio per poi esibirsi allo Houston Astrodome il pomeriggio e la sera; uguale il 28 Febbraio e altri due show il 1 Marzo.
I sei spettacoli portano più di 200.000 persone!!!

A giugno del 1970 Elvsi incide a Nashville.

Nell'estate del 1970 si esibisce per un altro mese all'International Hotel, precisamente dal 10 agosto al 7 settembre.
Da questi spettacoli la MGM ricava un documentario che ritrae Elvis durante la preparazione degli spettacoli negli studi di registrazione e sul palco mentre si esibisce.
Il documentario prende il nome di "Elvis - That's The Way It Is", e la RCA ne fa un album con lo stesso titolo.
Elvis è in splendida forma e dal documentario, come in occasione del "'68 Special", traspare tutta la sua energia, il suo senso dell'umorismo, il piacere che prova facendo musica sia in sala prove che su palco, a cui si aggiunge l'affetto e la stima che il pubblico gli dimostra, in un reciproco scambio di divertimento.

Nel settembre 1970, esattamente dal 9 al 14, porta il suo show in 9 città, ed è un altro successo. Anche in quest'occasione la MGM filma gli spettacoli come materiale da inserire nel documentario "Elvis - That's The Way It Is".
Vi è anche una session di registrazione a Nashville.

Alla fine del 1970 "Elvis - That's the way it is" esce nei teatri riscontrando successo.

Elvis intanto si esibisce in 8 città con il suo spettacolo e a dicembre avviene il famoso incontro tra il cantante e il presidente Nixon alla Casa Bianca.

Nel gennaio del 1971, nel mese del suo 36° compleanno, viene premiato come "One of Ten Outstanding Young Men of the Nation".
Durante la premiazione dovrà tenere un discorso, e tutto questo lo mette in ansia, ma lo rende anche molto orgoglioso per il riconoscimento avuto.
Il premio viene dato dal 1930 a quelle persone che hanno avuto grandi successi nella loro attività , oltre che essere un apprezzamento per ciò che è stato fatto al servizio della comunità.
Per Elvis, che è sempre stato criticato dall'inizio della sua carriera, questo è un momento di riscossa, segno che ora è rispettato per il suo lavoro e, sopratutto, per la persona che è.

Tra la fine di gennaio e febbraio 1971 Elvis si esibisce per un altro mese all'International Hotel a Las Vegas e a marzo inizia a registrare una session a Nashville, la quale purtroppo viene cancellata per un serio problema ad un occhio: glaucoma secondario.

Il glaucoma è una malattia oculare dovuta ad un aumento della pressione all'interno dell'occhio ed è una delle più frequenti cause di cecità nel mondo. L'aumento della pressione danneggia irreparabilmente il nervo ottico, responsabile della trasmissione delle immagini dalla retina al cervello. Inizialmente il danno interessa la visione periferica degli oggetti che si guardano, ossia ciò che sta intorno: infatti si continua a vedere l'oggetto, ma l'area di spazio che si percepisce intorno va gradualmente diminuendo. Con il tempo si arriva ad un danno tale da non permettere più neppure la visione degli oggetti, e quindi alla cecità.
Nel caso di glaucoma secondario la responsabilità si può andare a ricercare in altre malattie, quali il diabete, l'uso di farmaci, tumori e a stati infiammatori.
Chi soffre di questo problema deve necessariamente sottoporsi a controlli periodici, in quanto il danno non è reversibile e può sempre peggiorare.
Questo problema lo perseguiterà per il resto della sua vita.

A maggio 1971 Elvis è in copertina di Look Magazine, che pubblicizza l'uscita della sua biografia ad opera di Jerry Hopkins. E' la prima biografia seria, tra quelle uscite in precedenza.
Il libro "Elvis: A Biography" esce ad ottobre.

Intanto Elvis lavora per il suo prossimo album dedicato al Natale, il periodo dell'anno che più amava. L'album si chiama "Elvis Sings the Wonderful World of Christmas".

A giugno del 1971 la casa di Tupelo dove Elvis nacque è aperta al pubblico.
Elvis lavora al suo album gospel, "He Touched Me"
Nello stesso periodo una grossa parte della Highway 51, la strada che passa davanti a Graceland, viene rinominata Elvis Presley Boulevard.

Sempre durante l'estate escono vari album ed Elvis si esibisce per due settimane al Sahara Hotel a Lake Tahoe, nel Nevada, per poi riprendere ad esibirsi all'International Hotel di Las Vegas, rinominato Las Vegas Hilton International Hotel, facendone un nuovo album che lo porta di nuovo in vetta.
In questo periodo gli viene assegnato un altro premio: il "Bing Crosby Award" dalla National Academy of Recording Arts and Sciences (NARAS).

Dal 5 al 16 Novembre Elvis si esibisce in 12 città.

Ma qualcosa di terribile purtroppo aspetta Elvis in questo periodo di successi nel lavoro: tra la fine dell'anno e l'inizio del 1972 Priscilla se ne va di casa , portando con sè la piccola Lisa Marie.
Questa separazione dalla moglie e dalla figlia è un dolore che colpisce Elvis profondamente e che gli richiederà molto tempo per accettarlo, ma che comunque non gli darà pace per il resto della sua vita.

Tra la fine di gennaio e il mese di febbraio continua ad esibirsi all'Hilton a Las Vegas e in primavera la MGM lo filma sul palco e fuori dal palco durante un tour di concerti in 15 città.
Da tutto questo materiale ne uscirà un documentario: "Elvis on Tour".

Con l'album "He Touched Me Elvis" vince il suo secondo Grammy Award, questa volta per la categoria "Best Inspirational Performance".

A giugno 1972 Elvis arriva a New York, per 4 concerti che saranno un tutto-esaurito al Madison Square Garden, preceduti da una conferenza stampa, il tutto filmato dalla MGM che userà per il documentario "Elvis on Tour".
Dal concerto di New York ne esce un album della RCA, mentre Elvis continua ad esibirsi in altre 7 città.

Il suo successo a Las Vegas cresce sempre di più....
come pure la separazione dalla moglie Priscilla, che ormai è formalizzata. Il divorzio sta arrivando....
Elvis inizia a frequentare Linda Thompson, che resterà al suo fianco fino alla fine del 1976.

Mentre tutto questo accade nella sua vita privata, che diviene sempre più pesante da sopportare per "l'uomo" Elvis, "il personaggio" continua a portare avanti i suoi concerti e si esibisce per un altro mese all'Hilton di Las Vegas.

Nel settembre 1972, durante una conferenza stampa, Elvis annuncia l'intenzione di uno show per la televisione trasmesso dalle Hawaii via satellite in tutto il mondo.

Il singolo "Burning Love" raggiunge il secondo posto nella pop hit e a novembre il documentario "Elvis on Tour" viene trasmesso nei teatri, riscuotendo un ottimo successo. In seguito a questo documentario verrà assegnato il "Golden Globe Award for Best Documentary of 1972".

L'ultima città delle 7 visitate da Elvis con il suo tour alla fine del 1972 è Honolulu, Hawaii, dove si esibirà in 3 concerti al Honolulu International Center Arena.
Durante la conferenza stampa si parla ancora dell'imminente concerto via satellite dalle Hawaii e viene annunciato che il concerto sarà a scopo benefico per la "Kui Lee Cancer Fund".

...ed infatti il 14 gennaio 1973 Elvis si esibisce in uno dei concerti che hanno fatto storia: "Elvis - Aloha from Hawaii".
Il concerto avviene all'Honolulu International Center Arena, e viene trasmesso via satellite in Australia, Sud Corea, Giappone, Thailandia, Isole Filippine, Vietnam e in 30 paesi europei.
Lo show viene visto in circa 40 stati da oltre un miliardo di persone .
Per l'occasione Elvis indossa un costume con disegnata l'American Eagle, simbolo per lui del suo legame alla sua patria.
Il prezzo del biglietto...non aveva prezzo! Ognuno poteva dare ciò che poteva a scopo benefico per la "Kui Lee Cancer Fund". Vennero raccolti 75.000$!!!

Alcuni cambiamenti aveva subito anche il gruppo di musicisti che accompagnava Elvis.
Come direttore d'orchestra c'è Joe Guercio, J.D. Sumner & The Stamps sono i nuovi vocalist maschili, Kathy Westmoreland è entrata come soprano vocals e Glen D. Hardin è al piano.
L'album ricavato dal concerto va in vetta alla Billboard pop album chart e ci resta in varie posizioni per 52 settimane.
Durante il concerto si ascoltano vari generi musicali: dal rock di "Blue Suede Shoes" e di "Johnny B. Goode", al lento "I'll Remember You", da "Suspicious Minds" a "An American Trilogy", alla fine della quale Elvis regala la sua cintura al pubblico, per terminare con "I Can't Help Falling in Love" e il regalo del suo mantello, lanciato tra il pubblico.
Un'ora di concerto che regala uno dei momenti più spettacolari della sua carriera!

Dopo la grande esibizione alle Hawaii riprendono i concerti al Las Vegas Hilton e in aprile del 1973 il concerto dalle Hawaii è visto per la prima volta sulla televisione americana.

Nei primi giorni di ottobre 1973 il divorzio tra Elvis e Priscilla si concretizza, sebbene i loro rapporti continueranno anche in futuro da buoni amici. Anche se a Priscilla è data la custodia di Lisa Marie, Elvis non ha nessun tipo di restrizione per poter vedere la figlia, che trascorre regolarmente del tempo con il padre.

Pochi giorni dopo Elvis viene ricoverato in ospedale per una polmonite, una pleurite, problemi intestinali ed epatite.
Inizia la lotta di Elvis con la sua salute, che tra l'altro è aggravata anche da un crescere della dipendenza dai farmaci prescrittigli e dall'aumentare del suo peso.
Le cose non miglioreranno, anzi, andranno sempre peggio, il tutto dovuto anche alla fatica del suo lavoro, che lo porta continuamente in giro per il paese in un susseguirsi di concerti, che al momento della sua morte saranno un totale di quasi 1100 in 125 città diverse.

A dicembre del 1973 ritorna allo Stax Recording Studio in Memphis per una settimana di sessions.

I concerti riprendono alla fine di gennaio 1974 e proseguono fino a luglio.
A marzo si esibisce a Memphis, cosa che non faceva dal 1961 e per soddisfare la richiesta di biglietti si vede costretto a dare 4 concerti in 2 giorni. Da una di queste 4 esibizioni ne esce l'album "Elvis Recorded Live On Stage in Memphis". E' inclusa una versione live di "How Great Thou Art", che lo porta a vincere il suo terzo Grammy Award.

Alla metà di agosto torna a Las Vegas e durante questo ingaggio, alla fine di un concerto, Barbra Straisand gli propone una partecipazione come attore al remake del film "A Star is Born".
Ad Elvis piace l'idea di tornare sullo schermo in un film serio in quanto ha ancora aspirazioni come attore. Tra l'altro inizia ad essere stanco di stare sulla strada, girando da una città all'altra, la sua salute sta diventando un problema sempre più serio e costante, le sue performances sono sofferenti, come lui, e ha bisogno di nuovi stimoli, di una nuova sfida. Purtroppo il progetto per varie ragioni non andrà in porto.
Si dice che la colpa del mancato buon fine del progetto sia da attribuirsi al Colonnello Parker, che non diede il permesso ad Elvis...

Elvis riprende quindi la vita che aveva condotto fino ad allora, fatta di concerti e girovagare in tutti gli Stati Uniti....
...e dalla fine di settembre fino alla metà di ottobre 1974, si esibisce dal vivo, oltre a registrare altri album, che riscontrano vari gradi di successo...

A gennaio 1975 la sua salute, che va peggiorando, lo costringe nuovamente ad un ricovero ospedaliero per due settimane...
A marzo gli viene consegnato il "Grammy for Best Inspirational Performance" per la canzone "How Great Thou Art" in versione live.

Un mese dopo l'ultimo ricovero in ospedale riprende i suoi tour, ma ad agosto è di nuovo costretto a sospendere un ingaggio a Las Vegas per essere nuovamente ricoverato a Memphis per due settimane, fino al 5 settembre.

Alla fine del 1975 Elvis può finalmente fare il suo primo volo sul suo jet personale, comprato all'inizio dell'anno. Il jet si chiama Lisa Marie, in onore alla figlia e riprende i concerti a Las Vegas, per completare la serie che era stato costretto a sospendere a causa del ricovero ospedaliero.

Il 31 dicembre è a Pontiac, Michigan, per una performance a cui assistono 62.500 persone!!

A febbraio 1976 la RCA sposta l'apparecchiatura di registrazione a Graceland per dare modo ad Elvis di registrare l'album "From Elvis Presley Boulevard Memphis Tennessee" e oltre metà dell'album successivo, "Moody Blue" (l'ultimo album di Elvis in vita), dopodichè Elvis riprende i suoi concerti con ingaggi di una settimana alla volta e con pause di qualche giorno da un ingaggio all'altro, proseguendo anche le registrazioni a Graceland.

All'inizio di novembre anche la sua storia con Linda Thompson finisce e alla fine dello stesso mese incontra Ginger Alden, che resterà con lui fino alla sua morte.

Dal 2 al 12 dicembre si esibisce nuovamente all'Hilton di Las Vegas in quello che sarà il suo ultimo tour all'hotel; e alla fine del mese riparte per altri concerti, che si concludono l'ultimo giorno dell'anno con uno show a Pittsburgh, in Pennsylvania.

Altri concerti nei primi mesi del 1977...fino ad aprile, quando è di nuovo ricoverato in ospedale a Memphis: il tour dei giorni dal 31 marzo al 3 aprile è cancellato.

Ma dopo pochi giorni dalla dimissione dall'ospedale, riparte nuovamente con un tour di concerti per più di un mese, dal 21 aprile al 2 giugno, una piccola sosta e poi dal 17 giugno riparte.

I concerti del 19/20/21 giugno vengono ripresi dalla CBS per uno special televisivo e registrati dalla RCA per farne un nuovo album, che verrà chiamato "Elvis In Concert", come lo special televisivo della CBS, che sarà trasmesso il 3 ottobre dello stesso anno, dopo la morte di Elvis.

Nel corso degli ultimi anni la salute di Elvis era diventata un problema veramente serio, che, come si è letto, l'ha costretto più volte a ricoveri ospedalieri.
Il suo peso era aumentato notevolmente e l'immagine che ci viene trasmessa da questo ultimo special è scioccante: il suo sguardo è spento, la fatica del suo corpo mentre si esibisce è evidente, e anche moralmente si percepisce tanta stanchezza in lui, ma la sua voce, malgrado tutto, era rimasta potente e melodiosa.

Il 26 giugno 1977 è ad Indianapolis per esibirsi all'Indiana's Market Square Arena: è il suo ultimo concerto, la sua ultima salita sul palcoscenico!!

Dopo questo concerto Elvis torna a Memphis per riposare e per preparare il suo nuovo tour di concerti, che dovrebbe partire dopo la metà di agosto....

...il 16 agosto 1977 poco dopo mezzanotte Elvis torna a Graceland, dopo essere stato dal dentista per una visita. Fino alle prime ore del mattino resta sveglio con la famiglia e il suo staff, si rilassa e cura gli ultimi dettagli del nuovo concerto, che deve partire da Portland, nel Maine, il 17.
Verso le 7 del mattino si ritira nella sua camera per riposare fino alla partenza in aereo della sera...

...ma in tarda mattinata Elvis viene trovato privo di sensi nella sua stanza da bagno e, malgrado tutto ciò che verrà fatto dai medici per salvargli la vita, muore all'età di 42 anni.

La causa della morte è attacco cardiaco.

La notizia viene data verso le 3 del pomeriggio ed in breve tempo fa il giro del mondo, mettendolo sotto shock.



Elvis Presley è stato ed è ancora uno degli uomini più popolari al mondo.
Un uomo che ha impersonato sentimenti comuni, esprimendoli al massimo nella musica come soltanto lui ha saputo fare, in bravura e in genuinità, ed è per questo che ogni persona che lo ama, ha potuto ritrovarsi e si ritrova in tutto ciò che ha rappresentato.
Katia


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Word cloud made with WordItOut

GLOBE MAP